Giro Valli Aretine 13° Trofeo Butintoro - Rigutino (Ar)

Antonio Mannori Domenica 07 Ottobre 2018 Juniores

Ordine d'arrivo:
1° Sebastian David Kajamini (Angelo Gomme Villadose)
2° Mattia Guasco (Lan Service - Zheroquadro) a 50"
3° Luca Roberti (Roma Pro Cycling Team Franco Ballerini)
4° Giacomo Rosignoli (Angelo Gomme Villadose) a 55"
5° Alessio Acco (Work Service Romagnano) a 1'00"
6° Enrico Baglioni (G.S. Stabbia Ciclismo)
7° Antonio Tiberi (Team Franco Ballerini)
8° Alessio Riccardi (Team Franco Ballerini)
9° Ettore Mugnaini (Ac F. Bessi Calenzano)
10° Simone Carrò (Lan Service - Zheroquadro)

Tre gli aspetti che hanno caratterizzato il Giro delle Valli Aretine-Trofeo Butintoro a Rigutino. Diamo subito la precedenza al vincitore, David Sebastian Kajamini, brillantissimo e straordinario nella sua impresa, che si è imposto dopo una fuga solitaria di quasi 50 chilometri.

Ma la notizia del giorno arriva prima della partenza della corsa aretina, quando al ritrovo di Rigutino vengono disposti dal Commissario Internazionale Gianluca Crocetti di Pontremoli, i controlli sulle biciclette contro la frode tecnologica. E’ stata la prima volta in assoluto in una gara regionale che si sono svolti questi controlli. Lo ha disposto la Federazione Ciclistica Italiana. “Abbiamo chiesto all’Unione Ciclistica Internazionale - ci ha detto per telefono il presidente Renato Di Rocco -, la disponibilità dei tablet per effettuare questo tipo di controllo. Una richiesta apprezzata e la risposta è stata prontamente positiva. D’altra parte e lo ripetiamo ancora – conclude Di Rocco – il compito della Federazione è quello di prevenire e quindi come avviene per i controlli medici, ripeteremo ancora questo tipo di controllo che mi risulta sia stato particolarmente apprezzato in occasione della gara toscana che è stata una novità in assoluto da parte della Federazione tra l’altro in una gara regionale”.

Detto questo del Giro della Valli Aretine c’è ancora da ricordare la neutralizzazione avvenuta al culmine della salita di Cortona e prima di affrontare l’insidiosa discesa per poi riprendere la corsa regolare al termine della picchiata quando la situazione dal punto di vista dell’assistenza sanitaria era stata normalizzata.

Infine la galoppata esaltante e fantastica del vincitore applaudito a scena aperta al traguardo dove ha colto la terza vittoria stagionale.

 

Articoli simili

 


Articoli Recenti