Il Mondiale degli azzurri. Ultima fermata per Cassani: "Alaphilippe il più forte"

Redazione - Ciclismoweb.net Domenica 26 Settembre 2021 Interviste

Azzurri ancora una volta a mani vuote tra i professionisti. A consolare la FCI c'è il primo posto nel medagliere del Mondiale di Leuven anche se la delusione per un altro anno di digiuno nella massima categoria è difficile da nascondere.

Quello di Leuven è stato anche l'ultimo mondiale di Davide Cassani alla guida della Nazionale: “Una giornata di emozione e sfortuna. Matteo Trentin e Davide Ballerini ci sono mancati anche se si sono messi a disposizione per chiudere sulla fuga iniziale. Dopo la caduta stavano molto male. Nel finale c'erano 17 uomini davanti e 3 dei nostri che sono stati molto bravi. Nulla da dire, ha vinto il più forte. Con questo Alaphilippe mi è parso di vedere il Bettini dei bei tempi che faceva 3-4 scatti consecutivi finchè non riusciva ad andare via".
 
leuvenTornando sulle fasi cruciali: “Forse Sonny ha tergiversato un pochino, ma il problema nostro è stata la mancanza di un uomo nel finale, nonostante la presenza di Nizzolo che si è sacrificato, ne sarebbe servito un altro”.

Il CT conclude: “E' stato comunque un mondiale da pelle d'oca. Bellissimo finire qui la mia avventura con un pubblico straordinario. Oggi sicuramente non ho rimpianti, se non maledire la sfortuna. Anche un corridore come Giacomo Nizzolo mi ha ringraziato per la bellezza di questo evento. Ripeto onore ad Julien. Sapevamo che era forte ed aveva puntato deciso al Mondiale saltando anche l'olimpiade”.
 
Sonny Colbrelli ha provato a resistere agli scatti del francese, il primo dei quali a due giri dalla fine. L'azzurro è stato l'unico in grado di tenere le ruote del campione del mondo, cosa non riuscita, invece, venti chilometri dopo, all'ennesimo tentativo del transalpino: "Sono deluso per il risultato, ma c’è da dire che la fortuna non è stata dalla nostra parte. Abbiamo perso subito Trentin e Ballerini mentre nel finale…guardi uno, guardi l’altro… ma alla fine è andata così. Ci hanno messi in mezzo: eravamo io, Nizzolo e Bagioli, le sensazioni erano buone ed è stato un peccato, sono deluso proprio perché avevo le gambe buone. Pazienza. Avrei voluto mettere una ciliegina sulla torta in questo splendido mondiale".
 
Matteo Trentin, rientrato anzitempo al box, non nasconde la delusione: "Peccato. Avevamo pensato ad un'altra gara e questa caduta ci ha scombinato i piani. Però i ragazzi, una volta recuperato il distacco dai primi, sono stati bravi e pronti".
 
Andrea Bagioli è stato sicuramente uno dei più attivi, svolgendo al meglio l'ingrato compito di marcare Evenenpoel. Nelle fasi finali si è fatto trovare pronto, tirando il gruppo dei migliori per evitare gli scatti: "Siamo stati sfortunati, quindi piani scombussolati. Prima del secondo giro grande ho visto che c'era un bel gruppetto e mi sono buttato dentro. Remco ha fatto un bellissimo lavoro, io ho dato una mano. Cosa ci eravamo detti? Di far lavorare i belgi più forti per lasciare Giacomo e Sonny tranquilli. Alla fine Alaphilippe ha fatto un grande numero è quindi... complimenti! Non c'è stato un attimo di respiro veramente percorso duro e lungo che si è fatto sentire sulle gambe".
 
Diego Ulissi: "La caduta ci ha penalizzato più del previsto, siamo stati bravi a raddrizzare la situazione e a portare avanti gli uomini su cui puntavamo. Poi Julien ha fatto il numero...".

Articoli simili

 


Articoli Recenti