3^ Giornata - Campionati del Mondo su pista - Londra (Gbr)

Redazione - Ciclismoweb.net Venerdì 04 Marzo 2016 Pista

Inseguimento Individuale:
1° Filippo Ganna (Italia) 4'16"141- ORO
2° Dominic Weinstein (Germania) 4'18"275 - ARGENTO
3° Andrew Tennant (Gran Bretagna) 4'18"301 - BRONZO
4° Owain Doull (Gran Bretagna) 4'18"476
5° Mikhail Shemetau (Bielorussia) 4'19"017
6° Kirill Sveshnikov (Russia) 4'19"815
7° Dylan Kennett (Nuova Zelanda) 4'19"992
8° Michael Hepburn (Australia) 4'21"865
9° Dion Beukeboom (Olanda) 4'24"574
10° Thomas Denis (Francia) 4'25"208

Corsa a punti maschile:
1° Jonathan Dibben (Gran Bretagna) 48 p.ti - ORO
2° Andreas Graf (Austria) 48 - ARGENTO
3° Kenny De Ketele (Belgio) 43 - BRONZO
4° Benjamin Thomas (Francia) 41
5° Eiya Hashimoto (Giappone) 31
6° Raman Ramanau (Bielorussia) 13
7° Sam Welsford (Australia) 7
8° Luis Fernando Sepulveda (Cile) 6
9° King Lok Cheung (Hong Kong) 6
10° Nikita Panassenko (Kazakistan) 3

Inseguimento a squadre femminile:
1° USA (Hammer, Catlin, Dygert, Valente) 4’16”802 - ORO
2° Canada (Beveridge, Glaesser, Lay, Simmerling) 4’19”525 - ARGENTO
3° Gran Bretagna (Trott, Barker, Horne, Rowsell Shand) 4’16”540 - BRONZO
4° Nuova Zelanda (Ellis, Buchanan, Nielsen, Sheath) 4’20”225
5° Australia
6° Italia
7° Polonia
8° Cina

500 metri femminili:
1^ Anastasiia Voinova (Russia) 32"959 - ORO
2^ Wai Sze Lee  (Hong Kong) 33"736 - ARGENTO
3^ Elis Ligtlee (Olanda) 33"760 - BRONZO
4^ Daria Shmeleva (Russia) 33"886
5^ Katy Marchant (Gran Bretagna) 34"032
6^ Laurine Van Riessen (Olanda) 34"065
7^ Miriam Welte (Germania) 34"192
8^ Tania Calvo (Spagna) 34"264
9^ Lisandra Guerra (Cuba)34"692
10^ Jessica Salazar (Messico) 34"705

A 19 anni di distanza dall'ultimo titolo mondiale in campo maschile su pista è Filippo Ganna a riportare in Italia la medaglia più preziosa grazie ad una prova di assoluto valore con cui si mette tutti alle spalle in una specialità difficile come l'inseguimento individuale. Un exploit, quello del giovane azzurro, che premia uno dei talenti più forti del panorama nazionale e fa sognare in prospettiva futura.
{gallery}gallery/london_3{/gallery}


Omnium maschile I - Scratch:
1° Thomas Boudat (Francia)
2° Artyon Zakharov (Kazakhstan)
3° Elia Viviani (Italia)
4° Roger Kluge (Germania)
5° Glenn O'Shea (Australia)
6° Mark Cavendish (Gran Bretagna)
7° Jasper De Buyst (Belgio)
8° Viktor Manakov (Russia)
9° Gael Suter (Svizera)
10° Fernando Gaviria (Colombia)

Omnium maschile II - Inseguimento Individuale:
1° Fernando Gaviria (Colombia) 4'19"000
2° Lasse Norman Hansen (Danimarca) 4'19"866
3° Elia Viviani (Italia) 4'20"371
4° Tim Veldt (Olanda) 4'21"793
5° Aaron Gate (Nuova Zelanda) 4'22"156
6° Viktor Manakov (Russia) 4'22"798
7° Artyom Zakharov (Kazakhstan) 4'22"843
8° Roger Kluge (Germania) 4'23"131
9° Thomas Boudat (Francia) 4'23"933
10° Adrian Teklinski (Polonia) 4'24"946

Omnium maschile III - Eliminazione:
1° Fernando Gaviria (Colombia)
2° Mark Cavendish (Gran Bretagna)
3° Roger Kluge (Germania)
4° Thomas Budat (Francia)
5° Elia Viviani (Italia)
6° Glenn O’Shea (Australia)
7° Viktor Manakov (Russia)
8° Artyom Zakharov (Kazakistan)
9° Gideoni Monteiro (Brasile)
10° Tim Veldt (Olanda)


Inseguimento Individuale maschile - Qualifiche:
1° Filippo Ganna (Italia) 4'16"127 QG - record italiano
2° Dominic Weinstein (Germania) 4'16"206 QG
3° Owain Doull (Gran Bretagna) 4'17"698 QB
4° Andrew Tennant (Gran Bretagna) 4'18"944 QB
5° Mikhail Shemetau (Bielorussia) 4'19"017
6° Kirill Sveshnikov (Russia) 4'19"815
7° Dylan Kennett (Nuova Zelanda) 4'19"992
8° Michael Hepburn (Australia) 4'21"865
9° Dion Beukeboom (Olanda) 4'24"574
10° Thomas Denis (Francia) 4'25"208

Inseguimento a Squadre femminile - Primo Turno:
Batteria 1:
1^ Italia (Frapporti, Guderzo, Pattaro, Valsecchi) 4'26"162 Q 5/6 - record italiano
2^ Polonia (Pawlowska, Bujak, Jasinska, Rutkowska) 4'29"166 Q 7/8

Batteria 2:
1^ Gran Bretagna (Trott, Barker, Horne, Rowsell) 4'16"350 QB
2^ Cina (Huang, Jing, Ma, Zhao) 4'27"762 Q 7/8

Batteria 3:
1^ Canada (Beveridge, Glaesser, Lay, Simmerling) 4'18"261 QG
2^ Nuova Zelanda (Ellis, Buchanan, Nielsen, Sheath) 4'18"264 QB

Biatteria 4:
1^ USA (Hammer, Catlin, Dygert, Valente) 4'14"806 QG
2^ Australia (Edmondosn, Baker, Ankudinoff, Cure) 4'18"559 Q 5/6



L’Italia si è svegliata. La cavalcata che ha portato gli azzurri alla medaglia di legno nell’inseguimento a squadre ha galvanizzato l’ambiente esaltandone le individualità. Si può leggere in questa chiave, oltre che facendo riferimento alle doti naturali del ragazzo, la super prestazione del piemontese Filippo Ganna che nella fase di qualificazione ha fatto registrare il miglior tempo assoluto conquistando il diritto di correre la finale per l’oro. Il cronometro di Ganna è andato a migliorare di oltre 3 secondi il precedente record italiano, 4’19″699, fatto registrare da Andrea Colinelli alle Olimpiadi di Atlanta ’96.

Comunque vada, insomma, per Ganna e per l’Italia, sarà comunque una medaglia: nella sfida frontale con il tedesco Domenic Weinstein si deciderà se si tratterà di oro o argento. Inizia in discesa anche il cammino di Elia Viviani per l'omnium: il terzo posto conquistato nello Scratch nettamente davanti a Gaviria, De Buyst e Cavendish permette al veronese di guardare alle prossime prove con un bottino di punti di vantaggio eccezionale.

Articoli simili

 


Articoli Recenti