Mercato U23: anche Vejus e Aran uniscono le forze

Redazione - Ciclismoweb.net Sabato 01 Dicembre 2018 News

Rilevante novità nel mondo degli under 23 del Sud Italia: a partire dal prossimo 2019, le due storiche società più rappresentative del movimento del mezzogiorno si fonderanno. La sannita Vejus TMF di Donato Polvere e la pescarese Aran Cucine di Umberto Di Giuseppe.

photors R001070La Vejus di Donato Polvere nelle ultime undici stagioni ha rappresentato un punto fermo nel Sud Italia per il ciclismo che conta; nata con molta passione e con la giusta e “razionale follia” è entrata con umiltà, ma determinazione nel non semplice mondo dilettantistico. Non poche sono state le vittorie, le gioie e le considerevoli esperienze in Italia e in Europa vissute in questi anni. Sono stati fatti crescere molti atleti, qualcuno dei quali poi passato al professionismo, ed è stata data l'opportunità a molti giovani, anche di piccole ed amene realtà del Mezzogiorno, di poter essere protagonisti in un palcoscenico di rilevanza internazionale, e in ogni caso di momenti da ricordare nel tempo.

L'Aran di Umberto Di Giuseppe, nell'ambiente da tutti conosciuto come "Umbertone", ha svolto per oltre quarant'anni una proficua e costante attività nel ciclismo dilettantistico, significando una fucina di corridori, anche, ma non solo, negli anni d'oro del ciclismo abruzzese. E' senza ombra di dubbio il direttore sportivo con più esperienza che si possa incontrare.

photo scanferla 119X4876La fusione di queste due realtà nasce naturalmente per motivi organizzativi e logistici, indotta, non avrebbe senso ipocritamente negarlo, anche da una generale e sistematica difficoltà del panorama under 23 italiano. Ovvero, purtroppo, ci sono sempre meno giovani atleti che si dedicano al ciclismo, sempre meno squadre e gare nel mondo giovanile, e ciò va sempre più consolidandosi, come dato strutturale, anche in realtà tradizionalmente forti e fertili come la Toscana ed il Veneto. Detto ciò, la fusione ha, al contempo, una valenza sostanziale, una comunione d'intenti, unire non come somma algebrica, ma come crescita esponenziale, unire: storie, competenze, esperienze, metodologie e visioni.

La Vejus Aran, avrà la guida e responsabilità tecnica di Donato Polvere, il Sannio principalmente, con i suoi ottimi e funzionali percorsi, quale terreno d'allenamenti ed un organico, in corso di completamento, di circa quindici-venti elementi, provenienti da tutte le regioni del Centro Sud Italia.

Il capitano sarà il colombiano Einer Rubio, che correrà un'altra stagione tra gli Under 23 prima di approdare al professionismo nel 2020; gli obiettivi del 2019 per il nuovo sodalizio, da cerchiare in rosso, saranno le grandi classiche nazionali, il Giro d'Italia Under 23 e il Giro della Valle d'Aosta. Accanto al talento colombiano si punterà, chiaramente, a far crescere alcuni giovani e promettenti atleti italiani, in un quadro d'insieme di corridori di buon livello, a cui sarà riservato un ricco e qualificato programma di corse.

La presentazione della squadra avverrà nel prossimo mese di gennaio, intanto l'entusiasmo della novità, di questa nuova avventura, sarà certamente presupposto e foriero di nuove conquiste e soddisfazioni.

Articoli simili

 


Articoli Recenti