Giro U23: la Work Service si coccola la "rivelazione" Barison

Redazione - Ciclismoweb.net Martedì 18 Giugno 2019 News

Il Giro d'Italia U23 è al giro di boa: dopo il traguardo di ieri sul Monte Amiata, la carovana rosa risalirà oggi lo stivale nel giorno di riposo, per ripartire domani da Sorbolo (Pr).

barisonI primi 5 giorni corsa sono scivolati via veloci: dopo il prologo di Riccione a dare i principali scossoni alla classifica generale sono state la terza tappa, caratterizzata dagli sterrati senesi, con arrivo a Gaiole in Chianti (Si) e la quarta frazione che prevedeva il primo arrivo in quota.
 
E proprio in queste ultime due frazioni sono arrivate le migliori prestazioni per i ragazzi affidati alla guida tecnica del ds Ilario Contessa: a Gaiole in Chianti (Si) il 21enne padovano Emanuele Barison ha chiuso in dodicesima piazza mentre sul Monte Amiata è giunto sedicesimo ma ha guadagnato importanti posizioni in classifica installandosi in nona posizione provvisoria a 2'18" dal leader della corsa, il colombiano Andres Ardila e a poco più di un minuto dal podio.

Work Service Videa, dunque, sugli scudi anche al Giro d'Italia, e il bilancio della prima parte di Giro d'Italia non può essere che positivo come sottolineato dal ds Ilario Contessa: "Abbiamo preso il via da Riccione con una squadra mista che ha ingranato subito la marcia giusta mettendosi in luce in più occasioni. Nei primi giorni abbiamo evitato le cadute e i tanti inconvenienti che accadono spesso in questi frangenti. A Gaiole e sul Monte Amiata sono arrivate conferme importanti per Barison: un atleta giovane che proprio in questa corsa avrà l'occasione per testarsi fino in fondo e per mettere alla prova tutto il suo potenziale. Attorno a lui si sono mossi bene anche tutti gli altri ragazzi: sia Tarozzi e Colnaghi sia Lucca e Nesi che hanno sempre corso da squadra vera. Ora ci attendono altre cinque tappe infernali: impossibile fare previsioni, quello che è certo è che le nostre maglie saranno ancora una volta protagoniste".

Entusiasmante anche la lotta per la maglia verde, di leader della classifica dei GPM, patrocinata da Work Service e Kita che vede ben cinque atleti racchiusi in appena due punti. Il leader provvisorio è Federico Rosati (Mastromarco) ma a dare la caccia al primato degli scalatori ci sono anche Covi (Colpack), Ardila (Colombia), Stojnic (Franco Ballerini) e il belga Verschaeve (Lotto Soudal).

Intanto la Work Service Videa ha gareggiato nell'ultimo fine settimana nella doppia sfida di Brugnera (Pn) dove, nel Memorial Gianni Biz, sono arrivati piazzamenti importanti per Michael Minali (5°), Davide Boscaro (7°) e Luis Antonio Gomez Urosa (8°). Quest'ultimo, peraltro, aveva già chiuso in decima piazza il Memorial Zanette andato in scesa sabato sera. Purtroppo da segnalare anche l'infortunio occorso, proprio nella prova di sabato sera, a Davide Adamo: il ragazzo del presidente Renato Marin è finito a terra proprio all'ultima curva e, dopo gli esami radiografici, è stata evidenziata una frattura alla clavicola che lo costringerà ad osservare uno stop forzato dall'attività su strada.

Sempre a Brugnera (Pn), infine, nella prova riservata agli juniores, bene anche la Work Service Romagnano che ha raccolto il quarto, il settimo e l'ottavo posto rispettivamente con Valentino Pessotto, Matteo Fiaschi e Mattia Garzara.

Articoli simili

 


Articoli Recenti