T-A, Oscar Gatto: che brutto volo...

Tina Ruggeri Giovedì 14 Marzo 2019 Interviste

E' abituato ormai da anni ad essere un fidato gregario. A muoversi nel gruppo senza avere i riflettori puntati su di sè. Ma ieri, a Camaiore, Oscar Gatto è divenuto, suo malgrado protagonista.

oscaritoProtagonista dell'incidente con l'anonimo "passante". Un impatto preceduto dal grido di Peter Sagan: “Netto e chiaro Peter ha urlato: attenzione. I miei compagni di squadra sono riusciti a schivare come funamboli il pedone che ha attraversato improvvisamente la strada venendo da sinistra. Davanti a me Rafa Majika. Che non riesce ad evitarlo. E gli piomba addosso. Io cerco di frenare a più non posso ma l'asfalto è bagnato e la bici scappa via. A Camaiore era dal mattino che pioveva, e il terreno risultava tutto viscido e scivoloso. Maijka crolla davanti a me e io sopra di lui. Gli sono crollato addosso di peso – racconta il trevigiano -. Era impossibile evitare l'uomo che ha attraversato la strada. Rafa lo ha centrato in pieno e io sopra sulla sua testa. La visiera del casco da crono gli ha tagliato il sopracciglio e per la pressione del mio corpo, che di colpo lo ha fatto cadere sull'asfalto, ha preso una bella botta alla testa”.

Cronometro sfortunata? “Direi di si. Ora Rafa Maijka è sotto controllo medico ma per fortuna non c'è nulla di grave. Io ho preso qualche botta sulla gamba destra e sul gomito”.

Si invoca tanto la sicurezza. “Già. Poi Sagan con la Tirreno Adriatico non ha a questo punto un buon rapporto nelle crono. Lo scorso anno nella crono finale individuale a San Benedetto del Tronto, una signora gli attraversò la strada mentre era a tutta contro il tempo. E per fortuna che Peter sulla bici è un funambolo e quella volta riuscì a salire sulla pista ciclabile e a schivare la donna. Oggi lo stesso. Pochi minuti dopo, sempre a Camaiore, una signora con il cane ha attraversato la strada mentre transitava la Orica e per fortuna si è fermata subito. Io non capisco una cosa, sinceramente. Ma quando la gente attraversa la strada, non guarda a destra e sinistra prima di passare? Mi spiace per Rafa, il suo corpo ha attutito la mia caduta”.

Insomma, trevigiani sfortunati tra i professionisti in questa prima parte di stagione. Basti ricordare la capriola fatta a mo di salto mortale in Australia da Manuel Boaro. “Dai non dispero – termina Oscar Gatto -. Le botte che ho riportato con la caduta non sono gravi. Come si suol dire, dopo la pioggia torna il sereno. Chissà che le prossime tappe invece non siano più fortunate”.

Articoli simili

 


Articoli Recenti