Petr Vakoc: ritorno in gruppo in 100 giorni

Redazione - Ciclismoweb.net Giovedì 08 Novembre 2018 Interviste

Petr Vakoc, il 26enne atleta ceco che continuerà la sua attività con la Quick Step Floors nel 2019 parla del suo infortunio, del recupero e degli obiettivi futuri.

vakoc“Sono stato investito da un camion e sono fortunato ad essere vivo. Dopo tre interventi chirurgici, mesi di riabilitazione e un aumento graduale del carico di allenamento, sembra che potrei tornare. Non solo tornare alla vita normale, ma tornare alle corse. Il mio obiettivo è di essere di nuovo sulla linea di partenza tra 100 giorni" ha spiegato Vakoc investito da un camion mentre si trovava in allenamento in Sud Africa il 25 gennaio, ricoverato il giorno successivo e tornato in patria, ma sempre in ospedale, solo l'8 febbraio. La riabilitazione di Vakoc è ripresa il 17 marzo con il ritorno a casa e poi, il primo giugno con la prima uscita in bicicletta.

"È un percorso con un traguardo incerto, ma che di per sé è un obiettivo. Voglio correre ancora. E non solo gareggiare, ma vincere! Sto lavorando duramente per tornare al livello in cui ero prima. E ancora più in alto. Mi piacerebbe condividere la mia storia con i fan e con le persone che sono riuscite a superare gli ostacoli nella loro vita. Sicuramente non è possibile prevenire tutti gli incidenti, ma sono convinto che il loro rischio possa essere ridotto. C'è inutile ostilità tra guidatori e ciclisti. Le persone in auto spesso non si rendono conto di quanto sia pericoloso passare i ciclisti solo a pochi centimetri. Per me, questo è stato un argomento di grande interesse negli ultimi mesi. Vorrei cambiare la situazione in meglio. Forse introducendo una regola per passare i ciclisti ad una distanza minima di 1,5 metri, come già è in molti altri paesi" ha aggiunto Vakoc promettente talento ceco che nella propria bacheca vanta un successo in classifica al Giro di Slovacchia e una al Giro di Repubblica Ceca e che ha confidato di aver letto in questo periodo ben 17 libri per un totale di 4641 pagine.

"Il mio obiettivo è tornare alle corse a febbraio. Ho un immenso supporto da parte della squadra. Ho l'opportunità di prendermi del tempo per stare bene e tornare in forma  senza alcuna pressione, per mettermi alla prova nelle ultime gare di questa stagione o per essere pronto per l'inizio del prossimo. Lo apprezzo molto, in uno sport professionistico non è qualcosa da dare per scontato. Pertanto, posso concentrare tutte le mie energie per tornare a pieno regime. Se tutto procede secondo i piani, in 100 giorni esatti riappenderò il numero sulla mia schiena e tornerò sulla linea di partenza con il resto del gruppo” ha concluso il portacolori della Quick Step Floors che in 110 giorni ne ha trascorsi ben 52 in ospedale.

Articoli simili

 


Articoli Recenti