45° Gp Capodarco - Capodarco (Fm)

Redazione - Ciclismoweb.net Martedì 16 Agosto 2016 Elitè-U23


Iscritti: 214  Partiti: 200  Arrivati: 74
Tempo: 4h18'00"  180 km  Media: 41,860 km/h

Ordine d'arrivo:
1° Jai Hindley (Australia)
2° Edward Ravasi (Colpack)
3° Aleksandr Riabushenko (Palazzago Soligo Amarù) a 12"
4° Lucas Hamilton (Australia) a 18"
5° Giovanni Carboni (Unieuro Wilier Trevigiani) a 20"
6° Alexander Vlasov (Viris Maserati) a 39"
7° Sergey Luchshenko (Kazakistan) a 52"
8° Umberto Orsini (Colpack) a 1'02"
9° Geoffrey Curran (USA)
10° Edoardo Affini (Selle Italia Cieffe Ursus) a 1'54"

Sventola ancora una volta la bandiera dell'Australia sulla festa nazional-popolare di Capodarco di Fermo. La classica del 16 agosto ha regalato spettacolo ed emozioni anche quest'anno premiando un altro talento della nazionale giallo-verde: dopo Michael Storer, primo a Poggiana, è toccato a Jai Hindley regolare in uno sprint a due l'azzurro Edward Ravasi (Colpack) sul rettifilo d'arrivo mentre il terzo gradino del podio è andato al bielorusso Aleksandr Riabushenko (Soligo Amarù Palazzago).

arrivo hindleyTESTA A TESTA SUL MURO - A decidere la 45^ edizione del Gp di Capodarco è stato l'ultimo passaggio sul famoso muro marchigiano: qui, sul pavè, a fare la differenza è stato proprio l'australiano Jai Hindley che ha recuperato e superato il bielorusso Vlasov (Viris Maserati) ed è sbucato per primo sul rettilineo conclusivo. Sulla sua ruota uno stremato Edward Ravasi (Colpack) costretto ad inchinarsi negli ultimi metri alla brillantezza dell'avversario.

Una gara, quella che aveva visto ben 200 atleti al via, che è vissuta sulla lunga fuga tentata dopo appena 15 chilometri da 17 atleti. Edoardo Affini (Selle Italia), Justin Oien (USA), Petr Rinukov (Russia), Oliver Wood e Matthew Gibson (Gran Bretagna), Sergey Luchsenko (Kazakistan), Ryan Gibbons (Dimension Data), Ben Gerrits (Uc Monaco), Robin Meyer (AVC Aix en Provence), Karol Kuklewicz (LifeTeam), Miha Poljanec (Sava Kranj), Matteo Moschetti (Viris Maserati), Cezary Grodzicki (Palazzago), Alessandro Bresciani (Delio Gallina), Alessio Ferrari (Named Ferroli), Emanuele Onesi (Aran Cucine) e Jaime Restrepo (Montegranaro) sono andati di comune accordo per tutta la prima parte di gara accumulando un vantaggio massimo di poco superiore ai cinque minuti sul gruppo. L'azione dei fuggitivi avrebbe potuto avere ben altra fortuna se la nazionale australiana non avesse deciso, poco dopo metà percorso, di alzare il ritmo facendo letteralmente esplodere la corsa.

Il rimescolamento delle carte in testa alla corsa, ha portato alla ribalta un drappello forte di 12 unità che ha affrontato insieme le ultime due tornate; a comporre questo gruppetto Affini (Selle Italia), Hindley, Hamilton e Storer (Australia), Curran (Usa), Wood (Gran Bretagna), Lukhshenko (Kazakistan), Orsini e Ravasi (Colpack), Carboni (Unieuro), Riabushenko (Palazzago) e Vlasov (Viris).

Inutili i tentativi solitari di Orsini (Colpack) e Affini (Selle Italia) prima che avesse inizio l'ascesa finale. Sulle ultime rampe è stato Michael Storer (Australia), fresco vincitore di Poggiana, ad imporre il proprio ritmo riducendo le fila del drappello di testa. Quindi la bagarre decisiva descritta poco sopra che ha proiettato Hindley in prima posizione sulla linea del traguardo.

da Capodarco (Fm), Andrea Fin



live grey

Clicca "live" per seguire la cronaca della gara in diretta

 


Le squadre al via:
Australia
Stati Uniti
Russia
Gran Bretagna
Kazakistan
Marocco
Selle Italia - Cieffe - Ursus
Team Dimension Data
Zappi's Racing Team Club
Team FixIt.no
Giant Scatto
Uc Monaco
Amical Vélo Club Aixois
Fracor
Life Team Beton
Radenska Sava Kranj
Mendrisio
Altopack
Zalf Euromobil Désirée Fior
Team Unieuro Wilier Trevigiani
Marchiol
General Store bottoli Zardini
Gaiaplast Bibanese
Team Colpack
Viris Maserati
Team Palazzago
Delio Gallina
Named Sport - Kemo
Acqua & Sapone Team Mocaiana
D’Amico Bottecchia
Gm Europa Ovini
Norda Mg.Kvis Vega
Gs Mastromarco
Futura Team
Ciclistica Malmantile
Ciclistica Sestese
Vejus TMF
Velo Club Senigallia
Montegranaro
Uc Porto Sant’Elpidio  
Uc Pregnana

 



alt capodarco16

Il percorso:
part monumento fabio casartelli trasferimento turistico bv capodarco ss16 dx ps giorgio sx via marche sx lungomare fermano casabianca sx ss16 cantina vini santa liberata km o.part uff cantina s liberata ss16 adriatica lido di fermo ps giorgio mare centro dx via s martino via solferino dx via naz ss16 ps giorgio centro s michele bv capodarco1°pass km10.5 dx viale lido ps giorgio mare centro s mchele bv capodarco 2°pass k21. ps giorgio mare centro s michele bv capodarco 3°pass km31.5 ps giorgio mare centro s michele bv capodarco 4°pass km42 ps giorgio mare centro s michele bv capodarco 5°pass  km 52 sx via marche sp11 capodarco paludi via papa giovanni 23°capodarco 1°pass km56.4 bv salette s marco abbazia s tommaso dx innesto ss16 adriatica dx s mchele bv capodarco capodarco 2°pass km 74 capodarco 3°pass km91.6 capodarco 4 pass km109.2 capodarco 5°pass km126.8 capodarco 6°pass km144.4 capodarco dx viale indipendenza capopdarco 7°pass km162 capodarco dx viale indipendenza arrivo km 180  

alt capodarco

Articoli simili

 


Articoli Recenti