GIRO: passaggio a Nord-Est per decidere la classifica...

Tina Ruggeri Sabato 19 Maggio 2018 Editoriali

Il Giro d’Italia arriva nel suo alveo naturale. Il Nord Est. E soprattutto celebra i Cento Anni della Grande Guerra. Lassù dove combattè e cadde Francesco Baracca nell’ultimo scontro aereo con il Barone Rosso arriverà il Giorno d’Italia a fare gli onori. A rendere omaggio a chi combattè una guerra di trincea come la combattono sempre i corridori ogni giorno lungo le strade del Giro.

giro nordestCi provano i corridori nordestini a farsi vedere. Il più combattivo come sempre, dalle prime pedalate del Giro in Israele, Andrea Vendrame, una sorta di ardito del Piave, con il coltello tra i denti, di quelli che si tuffavano nelle acque tormentate del fiume Sacro alla Patria nei combattimenti corpo a corpo contro il soldato nemico. E ancora Alessandro Tonelli. Ma soprattutto l’ovazione lungo le strade veneziane per “Fabeo”, il velocista Paolo Simion che già si è messo in mostra al Giro e in Croazia in precedenza.

E come al solito i veneti, e nel caso specifico della tappa di Nervesa della Battaglia, hanno invaso le strade e le hanno agghindate di rosa. Che dire di più per il Giro d’Italia che nel Nordest è di casa. Si aspettano adesso le montagne, quelle vere.

Archiviata la vittoria di un altro veneto, Elia Viviani, da quest'oggi bicicletta all’insù a scalare lo Zoncolan, una delle sei salite più dure d’Europa. Sullo Zoncolan si deciderà il Giro e chi sarà il più forte. Dallo Zoncolan (dove campeggia la scritta dantesca "Lasciate ogni speranza o voi ch’entrate") si passerà a Sappada (ma sarà ancora Veneto o Friuli?) e poi, ancora, la crono trentina.

Sullo Zoncolan come dicono nel ciclismo, si divideranno i maschi dalle femmine, e nello stadio del ciclismo ci sarà l’ovazione della folla, che decreterà chi sarà anche il vincitore morale di questa centunesima edizione della corsa rosa. Intanto godiamoci le montagne...

Articoli simili

 


Articoli Recenti